Open/Close Menu Assistenza legale in diritto penale della strada
messa alla prova

Messa alla prova – indice:

Nato come istituto giuridico praticato nei giudizi sui minori, la messa alla prova è stato esteso agli imputati adulti dalla legge 28 aprile 2014, numero 67.  Trae origine dal sistema della probation. Con esso l’imputato può chiedere al giudice la sospensione della pronuncia di condanna. L’intenzione dell’imputato dev’essere orientata a riparare le conseguenze del reato commesso.

Cos’è la messa alla prova

La messa alla prova è un istituto giuridico che può essere definito sotto molteplici profili. La Cassazione ha precisato che si tratta di una causa di estinzione del reato alternativa all’accertamento giudiziario. Questa, infatti, consente all’imputato di chiedere al giudice un periodo di tempo che sospenda il giudizio, nell’arco del quale questi possa valutare la sua volontà di risocializzazione e rieducazione. L’esito positivo valutato dal giudice estingue il processo e il reato che ne fa oggetto.

Lo spirito di tale disciplina è animato dalla volontà di concedere all’imputato un percorso di recupero delle conseguenze dannose del reato. Tali conseguenze sono sia natura sociale che penale. Queste possono essere riparate per consentire al condannato di essere rieducato, con modalità alternative, in conformità con l’articolo 27, secondo comma, della costituzione.

La definizione di messa alla prova del codice penale

L’articolo 168-bis, primo comma, del codice penale che disciplina l’istituto recita: “Nei procedimenti per reati puniti con la sola pena edittale pecuniaria o con la pena edittale detentiva non superiore nel massimo a quattro anni, sola, congiunta o alternativa alla pena pecuniaria, nonché per i delitti indicati dal comma 2 dell’articolo 550 del codice di procedura penale, l’imputato può chiedere la sospensione del processo con messa alla prova“.

I delitti di cui al comma 2 dell’articolo 550 del codice di procedura penale ricordiamo essere i seguenti:

  • violenza o minaccia a un pubblico ufficiale prevista dall’articolo 336 del codice penale;
  • resistenza a un pubblico ufficiale prevista dall’articolo 337 del codice penale;
  • oltraggio a un magistrato in udienza aggravato a norma dell’articolo 343, secondo comma, del codice penale;
  • violazione di sigilli aggravata a norma dell’articolo 349, secondo comma, del codice penale;
  • rissa aggravata a norma dell’articolo 588, secondo comma, del codice penale, con esclusione delle ipotesi in cui nella rissa taluno sia rimasto ucciso o abbia riportato lesioni gravi o gravissime;
  • lesioni personali stradali, anche se aggravate, a norma dell’articolo 590-bis del codice penale;
  • furto aggravato a norma dell’articolo 625 del codice penale;
  • ricettazione prevista dall’articolo 648 del codice penale;

Come funziona

L’articolo 168-bis impone due limiti, uno di natura oggettiva e uno di natura soggettiva, alla concessione della richiesta di messa alla prova.

Il limite oggettivo è quello che circoscrive l’applicazione dell’istituto ai reati di ridotta gravità, dunque non particolarmente pericolosi per la società. Si ricava dal primo comma dell’articolo in commento.

Il quinto comma invece riporta il limite soggettivo. Questo esclude l’istanza di messa alla prova per coloro che commettono crimini e contravvengono a disposizioni di legge in modo abituale, per professione o per tendenza. C’è chi ritiene, ai fini dell’applicabilità di suddetto limite, che le caratteristiche soggettive debbano essere precedentemente dichiarate con pronuncia del giudice.

Ai sensi del quarto comma, l’istituto può essere richiesto una sola volta. Per ovviare a errori o abusi della disciplina infatti è obbligatoria l’iscrizione dell’ordinanza di sospensione del procedimento per messa alla prova nel casellario giudiziale.

L’istituto, inoltre, si caratterizza per attribuire la facoltà al giudice di effettuare una valutazione circa la qualificazione giuridica del fatto sollevato dall’accusa. La Cassazione sul punto ammette addirittura la modifica della qualificazione giuridica del fatto qualora il giudice la ritenga errata. A tale scopo, il giudice può raccogliere tutte le prove disponibili della fase istruttoria. Anche l’imputato che chiede di essere ammesso alla prova può fare domanda al giudice affinché venga riqualificata la posizione giuridica del fatto a lui accusato. Il fine è quello di ottenere una qualificazione a lui più favorevole.

Gli effetti della messa alla prova sotto il profilo sostanziale

Procedendo con l’analisi dell’articolo 168-bis, il secondo comma impone la tenuta di comportamenti volti a due obbiettivi:

  • la rimozione degli effetti dannosi o pericolosi del reato;
  • il risarcimento del danno da esso derivante.

Il primo obbiettivo viene raggiunto con il ripristino dello stato originario del bene oggetto della condotta criminosa che deve essere restituito al suo titolare.

Il secondo consiste nella corresponsione al danneggiato di una somma di denaro compensativa dei danni patrimoniali e non, cagionati alla vittima del reato. La quantificazione del danno deve essere comunque proporzionata alle capacità economiche del reo. La Cassazione ha ritenuto infatti illegittimo il risarcimento per intero del danno qualora il condannato non sia in grado di sostenerlo.

Le condizioni di concessione della messa alla prova

Al secondo comma dell’articolo 168-bis è fatta previsione di “…affidamento dell’imputato al servizio sociale, per lo svolgimento di un programma che può implicare, tra l’altro, attività di volontariato di rilievo sociale, ovvero l’osservanza di prescrizioni relative ai rapporti con il servizio sociale o con una struttura sanitaria, alla dimora, alla libertà di movimento, al divieto di frequentare determinati locali”.

In primo luogo è considerato requisito di concessione dell’istituto l’attività di volontariato. In secondo luogo, per analogia di quanto affermato dalla Cassazione in merito all’affidamento in prova al servizio sociale di cui all’articolo 47, quinto comma dell’ordinamento penitenziario, si ritengono applicabili anche alla messa alla prova i seguenti comportamenti:

  • l’imputato deve essere costantemente reperibile durante il periodo di affidamento al servizio sociale nonché precedentemente allo stesso, al fine di valutare il suo comportamento;
  • lo stesso deve osservare le direttive che gli sono impartite dal servizio sociale concernenti l’abitazione, la libertà di movimento, i rapporti intrattenibili e l’attività lavorativa da svolgere.

I lavori di pubblica utilità

L’altro requisito di concessione della messa alla prova è lo svolgimento di un lavoro di pubblica utilità. Questo è definito dal terzo comma dell’articolo 168- bis come una “…prestazione non retribuita, affidata tenendo conto anche delle specifiche professionalità ed attitudini lavorative dell’imputato, di durata non inferiore a dieci giorni, anche non continuativi, in favore della collettività, da svolgere presso lo Stato, le regioni, le province, i comuni, le aziende sanitarie o presso enti o organizzazioni, anche internazionali, che operano in Italia, di assistenza sociale, sanitaria e di volontariato”. 

Il lavoro di pubblica utilità costituisce un’imprescindibile attività del progetto di recupero. Questo garantisce all’imputato il suo diritto alla rieducazione ai sensi dell’articolo 27 della costituzione e l’esercizio dello stesso in sicurezza. Non si tratta di una novità nel panorama giuridico. L’abbiamo già incontrata infatti nei specifichi casi di guida in stato di ebbrezza e di guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti o psicotrope. È comunque una misura applicata in molte altre fattispecie.

Il terzo comma si conclude infine con la previsione che la prestazione oggetto del lavoro di pubblica utilità deve essere adeguata alle esigenze lavorative, familiari, di istruzione e salute dell’imputato e non deve superare le otto ore giornaliere.

Quando all’imputato sono attribuiti più reati o il reato è continuato

Sulla scorta del quarto comma dell’articolo 168-bis, l’istituto della messa alla prova sembra potersi richiedere una sola volta dall’imputato. La Cassazione, tuttavia, ha eccepito in merito a tale questione che invece ciò non è ammissibile nell‘ipotesi in cui l’imputato venga accusato di più condotte criminose. La decisione di merito ha evidenziato che la preclusione della messa alla prova in questi casi ne svaluterebbe l’intento perseguito. La messa a disposizione del reo di un’occasione di miglioramento della sua dignità sociale mediante un percorso di rieducazione è indirizzo prevalente del processo penale, e primario rispetto all’applicazione delle pene.

L’attribuzione di una pluralità di reati per alcuni dei quali sia possibile l’ammissione alla prova e per altri no non consente l’ammissione parziale alla messa alla prova. La pronuncia della Cassazione in merito è la numero 14112 del 2015, sezione penale.

Lo stesso orientamento è stato assunto riguardo la circostanza di reato continuato. Sia qualora esso sia considerato come una pluralità di reati, in base al ragionamento suesposto, sia quando considerato reato unico.

Che effetti produce il procedimento sospeso

Ai sensi dell’articolo 168-bis, primo comma, “durante il periodo di sospensione del procedimento con messa alla prova il corso della prescrizione del reato è sospeso. Non si applicano le disposizioni del primo comma dell’articolo 161″.

Ricordiamo che l’articolo 161 del codice penale statuisce l’operatività dell’interruzione della prescrizione per tutti coloro che hanno commesso il reato. Lo stesso prevede invece che la sospensione della prescrizione esplica i suoi effetti solo nei confronti degli imputati verso i quali si procede.

Come si richiede di essere ammessi alla prova

Per procedere con la richiesta di essere ammessi alla prova bisogna agire tenendo presente questi accorgimenti (articolo 464-bis, commi 2 e 3, codice di procedura penale):

  • la richiesta può essere fatta oralmente o per iscritto;
  • deve essere fatta personalmente o dal procuratore speciale;
  • necessita di autenticazione del notaio, di altra persona autorizzata o del difensore (articolo 583, comma 3, codice di procedura penale).

La veste di procuratore speciale deve essere assunta dal difensore che propone l’istanza di ammissione alla prova ai fini della validità della stessa. Non si ritiene sufficiente la sola investitura difensiva.

L’autenticazione resa oralmente dal difensore in udienza, o la richiesta sottoscritta senza essere autenticata inviata a mezzo fax comportano l’invalidità dell’istanza. È ammessa invece la trasmissione dell’istanza per posta se munita dell’autenticazione come prevista dal terzo comma dell’articolo 583 di cui sopra.

Il contenuto della richiesta si ricava dal protocollo rodigno sottoscritto dalla camera penale rodigna, l’UEPE di Padova e Rovigo, il tribunale di Rovigo e la procura della repubblica il 22 novembre 2015. Questo riporta che la richiesta deve avere le seguenti specifiche:

  • l’indicazione delle condizioni socio-familiari ed economiche, dell’attività lavorativa, formativa o di istruzione svolta dell’istante;
  • l’espressa volontà ad impegnarsi allo svolgimento di un lavoro di pubblica utilità;
  • le conseguenze dannose o pericolose del reato commesso;
  • l’entità del risarcimento del danno cagionato ove possibile;
  • una dichiarazione di volontà ad avviare un percorso di conciliazione con la vittima del reato, se possibile.

L’imputato non ha diritto ad essere informato dal giudice circa la possibilità di essere ammesso alla prova. La conoscenza di ciò gli perviene dal difensore una volta questi abbia verificato la sussistenza dei requisiti di idoneità. Il difensore lo informa sull’istituto, sui benefici che comporta e sui costi, nonché sull’unicità della richiesta.

Il programma di trattamento allegato all’istanza

La richiesta di essere ammessi alla prova deve essere corredata da un programma di trattamento già elaborato o dalla richiesta di elaborazione dello stesso (articolo 464-bis, quarto comma, codice di procedura penale).

Per procedere alla progettazione del programma l’imputato deve presentare domanda all’ufficio locale di esecuzione penale esterna competente e contestualmente depositare gli atti rilevanti del procedimento penale nonché eventuali valutazioni e pareri da lui sostenuti.

A seguito della domanda l’ufficio procede all’esecuzione di un’analisi del contesto sociale e familiare in cui si trova l’imputato al termine della quale redige il programma. Quest’ultimo viene poi presentato all’imputato che ne deve dare il consenso e all’ufficio o all’ente presso il quale costui deve svolgere la prestazione, i quali devono aderirvi.

Quando viene revocata la sospensione del procedimento

L’articolo 168-quater del codice penale descrive due comportamenti che comportano la revoca della sospensione concessa:

  • “in caso di grave o reiterata trasgressione al programma di trattamento o alle prescrizioni imposte, ovvero di rifiuto alla prestazione del lavoro di pubblica utilità”;
  • “in caso di commissione, durante il periodo di prova, di un nuovo delitto non colposo ovvero di un reato della stessa indole rispetto a quello per cui si procede”.

Riguardo al secondo caso è possibile l’applicazione di una pronuncia della Corte di Cassazione in merito alla revoca della sospensione condizionale della pena di cui all’articolo 168, primo comma, del codice penale. La corte ha affermato che la stessa indole del reato si applica solo ai reati contravvenzionali e non a quelli delittuosi. La revoca dell’ordinanza di sospensione dunque si postula sempre qualsiasi sia il tipo di delitto, anche di specie diversa.

Con riguardo alle contravvenzioni si ritiene applicabile l’articolo 101 del codice penale che specifica cosa si intenda per reati della stessa indole. Sono definiti tali quelli che non trasgrediscono soltanto la stessa norma di legge ma anche norme diverse del codice penale o di altre leggi che mostrano aspetti comuni per la qualità dei fatti che ne costituiscono oggetto o delle ragioni che ne hanno comportato il compimento.

L’esito della messa alla prova

Concludiamo la trattazione con l’articolo 464-septies del codice di procedura penale che disciplina l’esito dell’istituto esaminato. La norma distingue due ipotesi:

  • se la prova ha avuto esito positivo il giudice emette la sentenza di estinzione del reato. La prova si intende “superata” quando il giudice abbia ritenuto idoneo il comportamento tenuto dall’imputato durante il periodo di sospensione ovvero ha eseguito le prescrizioni che gli sono state ordinate;
  • quando la prova ha avuto esito negativo il giudice dichiara la prosecuzione del processo che era stato sospeso.

 

 

© 2020 Avvocatopatente.it - Realizzato da: Feniceweb.it